La moda negli anni cinquanta e sessanta


ANNI 50:
Una delle più belle mode di tutti i tempi, preziosa e semplice allo stesso tempo, raffinata ed egualmente popolare. Finalmente una moda proprio per tutte: dalla signora di buona famiglia alla ragazza di campagna che si identificano entrambe in una gonna a ruota e nei vari miti dell’epoca. Gonne a ruota e pois,andavano per la maggiore e facevano tutte le donne belle. Ma anche abiti stretti e bustini ed erano tutte figurini. Ma anche abiti stretti e bustini ed erano tutte figurini. Cintura alta, stretta in vita, il fascino dona alla bimba fiorita. Il reggiseno e il bustino, grazie alle maggiorate, la fanno da padrone regalando un decolleté mozzafiato.
ANNI 60:
I mitici anni 60 per la moda sono ancora oggi un riferimento per la moda contemporanea: gli anni 60 segnati dalla minigonna, dai Beatles, dagli stivali alti fin sopra il ginocchio erano lo specchio di una generazione pronta a ribellarsi a tutto cio' che la opprimeva. la cura dell’abito che sempre più viene visto come status simbolo e non come lusso moralmente deprecabile esibito dalle classi superiori. Questo fatto produce la proletarizzazione dell’abito (vestiti in serie) con la perdita delle connotazioni di prestigio ad esso connesse e con la scomparsa della divisione classista degli stili che si accontenta di differenziazioni più sottili che non riguardano più la foggia ma la qualità e gli accessori. Tale trasformazione, a sua volta, induce un’accelerazione dei cicli della moda che, se prima della guerra duravano anche diversi anni, ora si trasformano in modo rapido con un alternarsi di modelli destinati a una breve durata. Gli anni'60 furono soprattutto gli anni della minigonna.